Gli stiranti per capelli sono prodotti sicuri per il consumatore. A garantire l’assenza di rischi per il consumatore sono tre strumenti: le disposizioni di legge, i test eseguiti dalle industrie cosmetiche e le operazioni di sorveglianza.

Alcuni di questi prodotti, provenienti da Paesi extra-europei e che si sono notevolmente diffusi sul mercato negli ultimi anni, sono stati oggetto di critiche per la presenza, nella loro formulazione, di alti quantitativi di formaldeide.

In particolare, un’indagine condotta dalla Guardia di Finanza di Brescia ha portato al sequestro di circa 50mila prodotti liscianti per capelli provenienti da Paesi extra-europei. (vedi l’approfondimento “Sequestro di prodotti liscianti per capelli”).

Nei cosmetici l’uso di formaldeide è autorizzato come conservante, sino a una concentrazione massima dello 0,2%, che scende allo 0.1% nei prodotti per l’igiene orale. Tali concentrazioni sono state fissate per garantire la sicurezza del consumatore. Entro queste soglie, infatti, la formaldeide è sicura per la salute.

Le operazioni di sorveglianza tutelano il consumatore

L’individuazione e l’obbligo di ritiro dal mercato di prodotti contenenti quantitativi di formaldeide superiori ai limiti consentiti per legge, dimostra che il sistema dei controlli gestito dalle autorità competenti europee e nazionali funziona correttamente.

Occorre ricordare che i prodotti che rispettano le disposizioni di legge sono sicuri per la salute umana. In caso di dubbio sul prodotto utilizzato, si consiglia di chiedere conferma al proprio parrucchiere di fiducia.